Progetto educativo

SPES BORGOTREBBIA è una società che crede ancora che lo Sport possa favorire il benessere psicofisico dei giovani, se praticato in un ambiente attorniato da persone con valori che antepongono alla ricerca spasmodica del risultato, la promozione della crescita dell’individuo in tutte le sue dimensioni (affettiva, cognitiva, socio-relazionale).

OBIETTIVI GENERALI: La società ha una sua identità ben delineata e si ispira ai valori di lealtà, onestà, responsabilità, sportività, umanità, annoverando al suo interno operatori che condividano e posseggano i suddetti principi guida. Obiettivo primario è quindi quello di educare i giovani calciatori affinchè non crescano solo sotto l’aspetto sportivo, ma soprattutto dal punto di vista umano esprimendo e sviluppando le proprie potenzialità ed intelligenze in campo e fuori con umiltà, generosità, onestà e rispetto.

OBIETTIVI SPECIFICI: Ai giovani calciatori vanno le attenzioni degli educatori sportivi e dei dirigenti SPES BORGOTREBBIA che, attraverso l’attività sul campo e fuori, avranno il compito di:
– correggere con l’esempio.
– favorire i saggi comportamenti.
– potenziare le attitudini.
– promuovere i valori di lealtà, onestà, responsabilità, sportività, umanità.
– valorizzare le relazioni, creando un clima di fiducia privo di giudizi.

METODO: Il metodo educativo è “paterno” e quindi l’educatore dovrà avere la capacità di accettare i giovani così come sono, la generosità per impegnarsi a fondo nello sviluppare, per quanto possibile, tutte le sue potenzialità. Paternità vuol dire dedizione assoluta, significa comprendere, incoraggiare, ma anche correggere con la forza dell’esempio e la dolcezza negli avvertimenti e soprattutto non giudicare e perdonare!

LE COLLABORAZIONI: La società crede fermamente di poter aiutare i giovani tesserati a maturare come uomini solo attraverso un lavoro in rete. Diventa quindi condizione fondamentale per la buona riuscita del progetto una proficua collaborazione con le altre agenzie educative (in primis Famiglia, Scuola e Chiesa), con le altre realtà sportive, calcistiche e non, con il Comune di Piacenza e tutti i Servizi presenti sul territorio che si identificano nei principi guida a cui si ispira la società.

REGOLAMENTO E PATTO FORMATIVO:

La società per favorire il conseguimento degli obiettivi educativi si basa su un regolamento societario al quale i calciatori, i dirigenti e gli educatori sportivi si devono attenere ed un patto formativo tra gli stessi calciatori, educatori sportivi ed i genitori, in cui ognuna delle parti si impegna ad assumere comportamenti in linea con i valori in cui la società si identifica.

1) I CALCIATORI: I calciatori sono bambini/ragazzi che hanno principalmente il diritto di divertirsi e di giocare, ma sempre nel rispetto delle regole, dei propri compagni, degli avversari, degli educatori sportivi, degli arbitri e dell’ambiente. Sono i protagonisti attivi di un percorso formativo che li vuole mettere nelle condizioni di esprimere le potenzialità in essere ed apprendere attraverso un’esperienza concreta.

2) I DIRIGENTI: I dirigenti sono persone che dedicano il loro tempo per consentire a tutti i tesserati (educatori sportivi e calciatori) di godere delle migliori condizioni per poter svolgere con successo l’attività sportiva. A seconda delle cariche ricoperte possono definire gli obiettivi educativi e didattici, programmare l’attività, valutare che l’operato degli educatori sportivi e dei calciatori sia in linea con i principi guida della società, ma soprattutto incoraggiarli e sostenerli nei momenti di difficoltà.

3) GLI EDUCATORI SPORTIVI: Gli educatori sportivi sono persone disponibili a stare con i giovani, coscienti della responsabilità del loro ruolo, aperti al dialogo ed ad una reciprocità che consenta di proporsi come soggetti parte di un progetto educativo che ha come scopo la crescita comune. Hanno il compito di far vivere ai calciatori lo sport come un’esperienza formativa positiva, appassionante, arricchente e valorizzare tutti gli atleti a disposizione gratificandoli. Le abilità e caratteristiche che gli educatori sportivi devono avere sono: l’autoconsapevolezza (riconoscimento delle proprie – caratteristiche, capacità e debolezze, bisogni e desideri, principi e valori di riferimento); – la capacità di mettersi in discussione; – la coerenza; – la comunicazione (ascolto attivo ed espressione di bisogni, desideri, opinioni, sentimenti in modo appropriato); – l’empatia (comprensione delle emozioni e degli stati mentali dell’altro). La società SPES BORGOTREBBIA intende offrire agli educatori sportivi la possibilità di partecipare a corsi, convegni ed incontri di formazione per accrescere il proprio bagaglio di competenze relazionali.

4) I GENITORI: Il progetto educativo sviluppa uno stile familiare nelle relazioni: pone al centro del sistema educativo la famiglia come soggetto titolare della formazione ed educazione dei figli. I genitori sono parte integrante della società e pertanto sono chiamati a: – condividere gli obiettivi educativi del progetto; – lavorare in sinergia con i dirigenti e gli educatori sportivi collaborando sotto l’aspetto educativo e rispettando le scelte organizzative e tecniche. – partecipare alle riunioni programmate durante la stagione; – riporre fiducia nell’operato dei dirigenti e degli educatori sportivi.

Annunci

One thought on “Progetto educativo”

I commenti sono chiusi.